Il Burraco: gioco di carte popolare in Italia


Il Burraco è un gioco di carte simile al Ramino e alla Scala 40. Tuttavia, mentre il Ramino è un gioco capostipite e la Scala 40 una sua variante, il Burraco appartiene ad un’altra famiglia, chiamata “Pinnacola”. La Pinnacola è il nome da cui proviene la parola “pinella”, ovvero quella carta (precisamente il 2) che nel gioco stesso assume le facoltà di un jolly. La Pinnacola è quindi un gioco di carte dal quale si sono successivamente create diverse varianti, tra le quali il Burraco. Il gioco del Burraco pare sia nato in Uruguay nella metà degli anni 40 ma ha conosciuto un grande successo soltanto dagli anni ’80 in poi.
burraco gioco digitale
In Italia, il fenomeno del Burraco è scoppiato in Puglia, dove, sempre negli anni ’80, sono stati organizzati anche tornei e competizioni, aventi luogo presso associazioni e circoli. Successivamente, è nata la Federazione Italiana Burraco, un’associazione sportiva dilettantistica, che dal 1994 si occupa della strutturazione delle regole del gioco, oltre che dell’incentivazione del gioco stesso.

burraco sisal

 

Breve introduzione al gioco del Burraco

Il Burraco si svolge con due mazzi di carte francesi comprendenti i Jolly. A parte qualche versione che prevede il gioco a tre, il Burraco consiste in un gioco a squadre, e più precisamente, a coppie. E’ previsto anche il gioco singolo. Molto simile alla scala quaranta sotto alcuni aspetti, il Burraco prevede una serie di regole e impostazioni di gioco differenti, come ad esempio la creazione di due “pozzetti” da raccogliere quando si riescono a scartare tutte le carte inizialmente possedute. Per molti versi, invece, il Burraco e la scala 40 si assomigliano molto, come per la creazione delle combinazioni: i tris (previsti nel Burraco anche con due semi uguali), e le scale.
 

L'importanza del due


A differenza della scala 40, nel Burraco anche il 2 vale come jolly e può essere usato per rimpiazzare una qualsiasi carta in una combinazione o sequenza, oppure può essere usato come la carta che rappresenta, ovvero come un due. Un’altra caratteristica del Burraco, è quella del tallone o “monte degli scarti”, che si può usare aggiungendoci una carta da scartare o raccogliendo tutte le carte presenti in esso.