PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Moneymaker in crisi

Giovedì 28 Ottobre, da Cesare Antonini

Chris Moneymaker in crisi nel poker online. Dopo aver vinto il miracoloso torneo di poker nel 2003 quando diventò campione del mondo alle World Series Of Poker di Las Vegas qualificandosi da un satellite online la sua vita è cambiata. Tuttavia dopo aver incassato 2 milioni e mezzo di dollari (adesso il primo premio si aggira sui 9 milioni di dollari in media) le sue vincite dal vivo sono state molto al di sotto delle aspettative che il mondo del poker aveva su di lui.

Insomma, il fatto che sia diventato campione del mondo sarà pure stata un'impresa ma rischia di essere un semplice scherzo del destino. La sua crisi si estende anche nel poker online dove pare evidenziare una difficoltà diffusa in tutti i giochi, dai tournament al cash game. Anche se non ha mai giocato ai massimi livelli, ha fatto molte sessioni sui tavoli di $ 10 / $ 20 e $ 25 / $ 50 su PokerStars ( effettua il download della sala), la poker room che lo sponsorizza. Anche se non è mai andato alla grande nel poker online, i conti per il 2010 sono stati particolarmente disastrosi.

Quest'anno, Moneymaker ha giocato per lo più il $ 5 / $ 10 Pot Limit Omaha, ma i siti di ranking contano una perdita di quasi 150.000 dollari per il pro americano che è stato rpeso ad esempio da tutti per spiegare come il poker possa essere miracoloso e regalare una favola a lieto fine un po' a tutti. Tuttavia poi bisogna continuare a vincere per rimanere sulla breccia. L'americano visto che perdeva ai livelli medi si è abbassato al $ 3 / 6 $ e $ 2 / $ 4,ma anche in questo caso non è riuscito a vincere né a recuperare il tutto. Qualche giorno fa Moneymaker perdeva 650 dollari in meno di 20 minuti in una partita di heads up da $ 1 / $ 2. Crisi nera, insomma.