PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

La filosofia aiuta nell'hold'em

Giovedì 29 Marzo, da Alessandra Pagano

Dalla laurea in filosofia a insegnante a coach di poker e ovviamente player. E' il caso del giocatore francese che, non a caso viene chiamato 'il filosofo' nell'ambiente. In realtà si chiama Phil Latour e ha messo in pratica la sua laurea nel mondo dell'hold'em confermando che in questo gioco sono molto importanti attitudini di un certo tipo. Oltre alla matematica anche la filosofia può servire allo studio dei giocatori e dei tells.

Dalle discussioni filosofiche dei grandissimi studiosi dell'antichità è passato alla spiegazione dei concetti pokeristici a tutto il settore. Pare che Latour abbia scoperto il poker da bambino, molto prima di specializzarsi in filosofia. Solo partite in famiglia e per divertimento ma le sue capacità erano sempre migliori e ha deciso di diventare un professionista e comunque guadagnarsi qualche soldo in più. Prima di gettarsi nell'hold'em a capofitto e come pro, Latour utilizzava già il poker per spiegare la materia che insegnava. Parlando della sua nuova esperienza da insegnante di poker, Phil spiega come preferisca "lavorare sul medio e lungo termine, piuttosto che sulla preparazione di un singolo torneo. Il poker, come la filosofia, va a braccetto con la matematica - conclude Phil - e la matematica insegna che a lungo termine la fortuna o la sfortuna non esistono. Al tavolo verde, vince di più solo chi è più bravo a calcolare le proprie probabilità".

Non è il solo caso di giocatori che si cimentano nel poker dopo aver studiato altre materie con attitudini specifiche al gioco. La matematica e il calcolo della probabilità rimangono comunque le materie principali alle quali appoggiarsi per migliorare il proprio gioco.