PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Full PokerStars una storia da Hollywood

Martedì 25 Settembre, da Cesare Antonini

Ci siamo. Full Tilt Poker riaprirà il 6 novembre i suoi battenti in tutto il mondo eccetto i paesi in cui PokerStars ha la sua regolare licenza e i lavori procedono a tempo di record con il coinvolgimento anche di mezzi militari nell'operazione di rilancio.

La storia iniziata col Black Friday lo scorso 15 aprile potrebbe offrire una sceneggiatura validissima per il cinema di Hollywood tra scandali finanziari, fughe in paesi off shore, schema di Tom Ponzi e intrighi internazionali tra Fbi, trattative con centinaia di milioni di dollari in mezzo e chi più ne ha più ne metta.

L'ultima news che infiamma il web arriva sempre da PokerStars e Full Tilt. La prima ha acquisito la seconda per risanare i debiti che Tiltware aveva con mezzo pianeta, almeno per quello che riguarda il poker. E ora si sta impegnando per il suo rilancio che rappresenta ovviamente un'occasione enorme di business con la creazione di una situazione di semi-monopolio nell'industry del poker.

Ebbene la nuova Full Tilt sarà 'basata' nell'Isola di Man e a Malta per le licenze punto com e punto eu che PokerStars ha deciso di riaprire. Prima tutto veniva annotato e registrato in Irlanda, tra Alderney e le Channel Islands e quindi anche i servers e tutta la sezione hardware era lì. Per questo c'è voluto un aereo cargo militare dal nome in codice 'Hercules' che è volato verso l'Isola di Man lo scorso fine settimana per trasportare tutto il materiale possibile e immaginabile che fino al giorno d'oggi ha riguardato la sezione hardware di Full tilt Poker. Server, hosting's rack e altro materiale sono ora in possesso dello staff di PokerStars.

Un passo fondamentale per il rilancio della 'red room'. Questo non vuol dire che presto si dovranno trasferire anche tutti i dipendenti. Tuttavia la gestione del sito sarà dall'Isola di Man che concederà la licenza per Full Tilt e dalla quale PokerStars gestisce il suo business globale. Questo 'poker thriller' continua a regalare colpi di scena a ripetizione.