PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Ecco i November Nine Wsop

Mercoledì 20 Luglio, da Cesare Antonini

Eccoli i nove bravi e fortunati arrivati alla fine di una lunghissima maratona di poker battendo 6.865 avversari. Tra questi il fenomeno Ben Lamb che insieme ad altri due connazionali dovrà difendere il titolo americano che rischia di essere portato nuovamente in Europa dopo i successi di Eastgate di qualche anno fa.

Regna un grande equilibrio con i due che comandano, il 'ceco' Starsko e l'irlandese O'dea che ha imbustato 33 milioni di chips, e gli altri con almeno 5 players tra i 24 e i 16 milioni di chips con il più short, Holden che ne ha 12 e Makiievsky che ne ha 13 di milioni.

Il final table del torneo di poker è un dominio europeo. Irlanda, Inghilterra, Germania, Repubblica Ceca e Ucraina sono i paesi rappresentati mentre l'anno scorso c'era solo il nostro Candio e due canadesi per uno strapotere americano. Gli USA escono con le ossa rotte con solo Matt Giannetti, Phil Collins e Ben Lamb ancora in corsa per il titolo: è il minimo storico per il poker a stelle e strisce che mai era sceso così in basso (il record negativo è del 2007 con 4 portacolori).

Anche il valore dei players non è un granchè. L'anno scorso avevamo Mizrachi, Cheong, il nostro Candio e un ottimo player come Duhamel. Quest'anno giusto Lamb ha ottimi numeri anche se è esploso quest'anno. Un braccialetto al championship Pl-Omaha e un secondo posto ad un 3,000$ oltre al tavolo finale del Poker Player's Championship da 50,000$. Un fenomeno insomma che potrebbe chiudere ancora un risultato storico.