PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Le side bet sul Main Wsop

Mercoledì 12 Agosto, da Ceasare

Per  tutti i giocatori del tavolo finale del Main Event delle World Series of Poker, il sogno è quello di vincere il torneo e di diventare la nuova star dell’anno oltre che milionario. Ma per lui, il mito, Phil Ivey, una vittoria al tavolo di novembre non significherà solo 8,5 milioni di dollari ma addirittura 26 milioni di bigliettoni verdi.
Tutto merito delle famosissime side bet, scommesse a lato, a bordo campo, lanciate privatamente dai giocatori stessi e che di solito si aggirano su cifre astronomiche per le tasche dei poveri players di tutto il mondo.
Facciamo la somma, quindi, 8,5 milioni arriverebbero dalla vittoria del Main Event. Contro Andy Bloch Iveey ha scommesso 2 milioni di dollarii e contro Durrrr 1 milione di dollari sempre sulla sua vittoria.
Dopo aver vinto il suo primo braccialetto nel 2009, Phil ha scommesso 5 milioni di dollari contro Howard Lederer che avrebbe vinto altri 2 braccialetti nei prossimi 3 anni sempre alle Wsop. Avendo già guadagnato il secondo titolo mondiale per quest’anno una sua vittoria al Main Event potrebbe permettergli di vincere molto prima una scommessa decisamente succosa.

E gli altri milioni? Ivey è molto concentrato anche sui 10 milioni di dollari messi in palio da Full Tilt per il Main Event Mania. Una vittoria in questo evento online gli porterebbe una serie di pagamenti da 1 milione di dollari per 10 anni. Una sorta di vitalizio del poker.

Oltre ai 26 milioni bisogna anche aggiungere una scommessa aperta con Phil Gordon. Non si conosce la posta in palio ma anche in questo caso si parla di qualche milione di dollari.
Ma la domanda è: e se Ivey dovesse perdere il Main (non ha molte chips e dovrebbe fare un vero miracolo)? Chissa se a questo il campione americano c’ha pensato?