PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

I players americani in fuga

Venerdì 05 Agosto, da Alessandra Manzari

Se per gli italiani e per gli europei in genere la meta preferita e più semplice da raggiungere da un po' dappertutto è la città di Montecarlo con le sue leggi 'tolleranti' sui flussi di denaro e comunque sulle vincite ingenti a poker o ai giochi tipici da casinò, gli americani stanno orientando la loro scelta verso il Canada.

Stiamo parlando ovviamente dei professional poker players americani perseguitati dalla legge sul gioco online, sui divieti di transazioni di ogni tipo e naturalmente anche sul pagamento di esose tasse sulle vincite nei tornei di poker dal vivo.

Si sono già mossi Phil Galfond, Brian Hastings, Daniel Jungleman Cates e ora, l'ultimo nome da novanta a muoversi è Vanessa Selbst, reduce da una stagione importantissima coronata dall'incredibile back to back ottenuto nel North American Poker Tour Mohegan Sun, nel giro di 12 mesi. Due vittorie da favola e poi tanti altri risultati che l'hanno convinta anche del rischio che correva a rimanere nel suo paese di nascita. Rischi legali e finanziari, si capisce.

Così ha deciso di volare a Toronto per cercare di trovare il giusto escamotage per sfuggire a prelievi erariali decisamente pesanti per chi vive di questo gioco ed è esposto, nonostante le skills, a pericolosi periodi di downswing dove la fortuna e la varianza scendono e la tecnica non può evitare sconfitte. Sconfitte che nessuno calcola nel computo delle tasse definitive, sia in Italia che negli Usa. Tuttavia la fuga potrebbe rivelarsi un ottimo escamotage ora ma è noto che negli Usa si stava già discutendo sulla creazione di un albo per il professional poker player. Un provvedimento che diverebbe se non altro accettabile e consentirebbe al poker live di sopravvivere ai continui accadimenti che ne turbano continuamente lo sviluppo sereno e costruttivo.