PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Charity Poker Tournament

Giovedì 16 Luglio, da Cesare

Ieri l'altro presso il Bagno 'La Romanina' di Forte dei Marmi, si è svolta una serata benefica a sostegno dei progetti di 'SOS Villaggi dei Bambini', organizzazione internazionale impegnata per assicurare il pieno soddisfacimento dei diritti basilari dei bambini in tutto il mondo.

All’evento, realizzato grazie al sostegno di Pokerstars, c'erano proprio tutti: il campione del mondo Gigi Buffon, il suo amico e compagno di squadra Giorgio Chiellini, i simpatici Paolo Brosio e Giorgio Panariello e i ciclisti Michele Bartoli e Alessandro Petacchi per sostenere il Programma di Prevenzione all’abbandono a Rosario, Argentina.

Presente nelle vesti di testimonial di 'SOS Villaggi dei Bambini', Alena Seredova. Dopo la partita di beach soccer organizzata da Buffon nel luglio 2008 a supporto della campagna di sport e solidarietà “I Bambini sono l’Oro del Mondo” per la ricostruzione dell’asilo SOS di Harar (Etiopia), il portiere della Nazionale Italiana è rimasto al fianco di SOS Villaggi dei Bambini per raccogliere fondi a favore del nuovo obiettivo della campagna: il Programma di Prevenzione all’abbandono attivato a supporto di 120 bambini e delle loro famiglie che vivono sotto la soglia di povertà nella città di Rosario, Argentina. Quest’anno, lo sport scelto è il poker sportivo, in versione texas hold’em, che negli ultimi mesi ha raccolto sempre più appassionati.

Grazie al supporto di Pokerstars, a conclusione della partita di poker sportivo in cui si sono sfidati amichevolmente Petacchi, Brosio altre “star”, e due giocatori che si sono qualificati online su PokerStars.it il ricavato raccolto è stato consegnato simbolicamente a SOS Villaggi dei Bambini per finanziare il programma di prevenzione all’abbandono, garantire ai bambini di Rosario le cure, il sostentamento e l’educazione, e supportare le famiglie con corsi di formazione professionale, che ne sviluppino la capacità a raggiungere l’autosufficienza, e con percorsi educazionali (psicologici e legali) che ne consolidino le capacità genitoriali.