PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

PPA organizza una petizione per la legalizzazione del poker

Martedì 30 Giugno, da Susy

Il prossimo 22 Luglio il Presidente americano Barak Obama riceverà una petizione firmata da centinaia di migliaia di appassionati del poker, che ha come scopo quello di legalizzare il gioco del poker online in America. Ad oggi le firme sono già quasi 200,000. La petizione, come ricordato nel nostro precedente articolo, sarà presentata in conclusione della Settimana Nazionale del Poker, che si terrà tra il 19 e il 25 Luglio prossimi.

Per stimolare i giocatori a firmare questa importante petizione, le più note poker room online, come PokerStars, offrono freeroll settimanali con buy in di 3500$ a cui è possibile classificarsi firmando la petizione.

Quali sono le richieste fondamentali della petizione?

- escludere il poker dall’UIGEA (Unlawful Internet Gambling Enforcement Act)

- regolarizzare e legalizzare il poker online negli Stati Uniti

- rispettare i diritti di tutti i cittadini americani che amano questo GIOCO DI ABILITA’

Per firmare la petizione online sono richiesti alcuni dati fondamentali: nome, cognome, e-mail, indirizzo, città, stato e codice postale.In aggiunta è necessario uno speciale codice di autenticazione, che consiste in un numero a cinque cifre.

La settimana scorsa il professionista Greg Raymer, vincitore dell’evento principale alle WSOP 2004, ha scritto un e-mail ai membri di PokerStars, incitandoli a firmare la petizione: “Presidente Obama” scrive “ il Poker non è un crimine. In qualità di votante e giocatore di poker chiedo il Suo supporto per avere diritto a giocare a poker online e ad altri giochi di abilità su internet”.

Ci auguriamo davvero che la petizione continui ad avere successo, e che offra un valido esempio per tutti gli altri paesi del mondo.