PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Rinoraise vince il PPT Montenegro

Martedì 13 Settembre, da Alessandra Manzari

A trionfare nella tappa del People's Poker Tour organizzata nella splendida location del casinò Maestral di Budva in Montenegro è stato Rino Sallustro, al tavolo da gioco noto come Rino Raise, poker pro milanese che ora vede aprirsi molte strade davanti a sé. Con la vittoria della prima moneta da 125,000 euro c'erano compresi ovviamente l'accesso alla finalissima PPT ma anche un main event World Series Of Poker, o a Las Vegas o nella versione europea.

E quest'anno si gioca a Cannes con i migliori al mondo e RinoRaise ha già deciso di volare nella splendida città capitale del cinema europeo dove parteciperà al main event al fianco dei top players internazionali. E inoltre consoliderà il suo contratto di sponsorizzazione con la nuova room che lo aveva invitato per l'evento di Budva e aveva già confermato quello di Campione d'Italia. Dopo questo exploit si aprono le strade del professionismo per lui che già da tempo si dedica al poker ma che non era riuscito ancora a lasciare il segno con questa veemenza e convinzione.

I colpi al tavolo hanno finalmente retto nelle mani decisive e così Rinoraise ha battuto in heads up anche il toscanaccio Alessandro Governi che volerà anche lui a Las Vegas per un side event e ha vinto comunque 75,000 euro. Brillante la prestazione di una donna che ha lasciato il segno in questo evento: Ivana Napolitano in questa tappa colleziona premi e record: due pacchetti per le WSOP (Ladies Championship e Side Event da 1,000 dollari) e il miglior piazzamento femminile di sempre in un PPT. Il suo terzo posto, infatti, ha battuto il quarto della nostra Krisztina Polgar, ottenuto a Budapest durante il tour 2010. Ottavo posto per Diego Duma, quinto per Lorenzo La Manna, sesto per il gigantesco Gianni Graziani.