PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Analisi di un vincitore

Mercoledì 18 Novembre, da Cesare

Solo fortuna o solo bravura? Un po' di fortuna e tanta bravura o un pizzico di abilità che ha spinto il destino fino alla vittoria. Joe Cada analizza il suo torneo, senz'altro fortunato, ma con talmente tante mani giocate e situazioni di azione vissute che è impossibile stabilire quanto influisca l'alea rispetto alla skill.

“Si, sono stato abbastanza fortunato senza mai patire brutti colpi che hanno compromesso il nostro torneo – ha puntualizzato il campione del mondo 2009 – se avessimo mostrato molte più mani durante l'evento tutti avrebbero capito che ho accumulato chips con bluff four-bet che speravo avrebbero fatto vedere. Ciò sarebbe stato molto positivo per la mia immagine, se in futuro decidessi di giocare più chiuso”.

Cada sa il fatto suo. Tuttavia ha trovato pane per i suoi denti con il francese Saout. “Quando giochi molte mani, il tuo margine si allarga. Non mi piace chiamare troppo, ma non ho paura di giocare quando ci sono buone fold equity. Come la coppia di due contro Antoine Saout. Stavamo giocando a tre, aprivo quasi tutti i piatti e c’erano in palio circa 30-40 grandi bui. Mi aspettavo che lui facesse three-bet più spesso e che avrebbe chiamato solo con asso-re. Antoine è un giocatore furbo. Lo abbiamo visto aprire con jack-due, quindi mi aspettavo che avrebbe cercato di rubare più spesso con three-bet. Credevo che avrebbe pfoldato con alcune mani”.

Tornano al concetto di partenza. “Non dico di non aver avuto fortuna e, anzi, è stato decisamente un tavolo finale molto fortunato, il più favorevole della mia carriera e la cosa bella è che è capitato proprio al Main Event. La buona sorte mi ha assistito, ma sono rimasto soddisfatto dal modo in cui ho giocato”.