PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Regole Royal Hold’ em: sorella del Texas Holdem

Giovedì 07 Ottobre, da Andrea Lazzo

bonus chips

Il Royal Hold’ em è una variante del poker che assomiglia molto alla sua “sorella” più famosa, ovvero il Texas Hold em. Negli anni, si sono sviluppate tantissime variazioni delle varianti stesse del poker classico, ovvero quello con 5 carte coperte, con cui quasi tutti abbiamo imparato a giocare. Negli ultimi anni, il poker tradizionale è stato letteralmente sostituito dal Texas Hold’em, grazie alla sua popolarità acquistata tramite internet e i tornei internazionali. Il Royal Hold’em, non è altro che una variante molto stretta dello stesso Texas Hold’em e per questo motivo, questo articolo non solo spiegherà in cosa consiste il Royal Hold’em, ma si porrà come una pratica sintesi del Texas Hold’em stesso.

Le regole del Royal Hold’em

Nel Royal Hold’em, si usa un numero di carte limitato. A differenza dei giochi in cui vi è uno “stripped deck”, ovvero un mazzo di carte privato di alcune carte in base al numero dei giocatori, il Royal Hold’em vede un mazzo più piccolo, ma fisso, che non varia in base ai giocatori. Nel Royal Hold’em, infatti, si utilizzano esclusivamente le carte che vanno dal 10 all’Asso, quindi inclusive del Jack, della Donna e del Re. Si può ben capire come questa regola, che riduce il gioco all’utilizzo di sole 20 carte, possa significare un cambio d’ottica influente riguardo le strategie, le puntate e così via. Le leggi “statistiche” solite del poker vengono totalmente deviate, in quanto le probabilità dei vari punteggi sono molto diverse.

I punteggi nel Royal Hold’em

Nel Royal Hold’em, proprio per il fatto che sono utilizzati solo 5 valori di carte, non sono possibili alcuni punteggi. Il primo di questi è la scala reale. Infatti, nel Royal Hold em il colore in sé non vale nulla, a meno che non componga una scala reale (es. 10, J, Q, K, A di cuori). Il secondo punteggio previsto è il poker, ovvero quattro carte del medesimo valore. Il terzo punteggio consentito nel Royal Hold’em è il Full, ovvero un punteggio formato da una coppia di un valore e un tris di un altro valore. Il quarto punteggio consentito è la scala, ovvero cinque valori in ordine consecutivo. Il quinto punteggio previsto è la doppia coppia, mentre per il sesto è presente una piccola particolarità.  Il sesto punteggio previsto, infatti, è la coppia, che però non può essere formata da due Assi.
 

Svolgimento del gioco

Nel Royal Hold’em, il mazziere distribuisce 2 carte coperte per ogni giocatore, e successivamente dispone sul tavolo 5 carte scoperte. Il gioco, prevedendo solo venti carte, può essere giocato al massimo da 6 giocatori. Le altre 3 carte rimanenti, sono le cosiddette “burn cards”, ovvero delle carte inutilizzate, che i casinò prevedono per evitare il cosiddetto card marking. Il resto del gioco, si svolge esattamente come nel Texas Hold’em.