PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Come puntare quando si ha un progetto forte

Martedì 15 Marzo, da Andrea Lazzo

pokr chips and cards

Per progetto, o draw, intendiamo una situazione in cui abbiamo 4/5 di scala o 4/5 di colore. In questo articolo ci soffermeremo sulla situazione più specifica caratterizzata dal disporre di un progetto forte, quindi un 4/5 di scala o colore ma con un punteggio che arriverebbe all’Asso ( o dell’overcard), che avremo già nel Pocket. Questa condizione, apparentemente molto favorevole, costringe però a delle opportune considerazioni:

  1. Il punteggio potrebbe rimanere inconcluso
  2. Distinguere la situazione in cui si hanno due carte suited o pro scala nel pocket
  3. Fare attenzione alle possibili mani degli avversari e ai loro comportamenti
  4. A quale punto del gioco ci troviamo

Queste sono solo alcune delle considerazioni da effettuare prima di effettuare una puntata quando si ha un progetto forte per le mani. Un altro fattore da considerare, ad esempio, potrebbe essere la quantità di chips a disposizione, il ché potrebbe scoraggiarci al puntare o al contrario stimolare un all-in o la va o la spacca.

Il punteggio e il numero dei giocatori

Un fattore estremamente importante è il numero di giocatori. Se al turn abbiamo sul board 3/5 di colore o di scala, più avversari sono ancora in gioco peggio è. Quindi, in questo caso, nel caso avessimo una carta alta, K o A, potremmo coltivare le nostre speranze ed assumere un certo atteggiamento nel gioco, cercando di mostrare più sicurezza possibile. Se il board da 3/5 di colore e ci manca una sola carta, dovremo considerare bene lo storico delle puntate dei nostri avversari, per capire a che tipo di punteggio mirano. Se ci aspettiamo una quinta carta colorata e decidessimo di puntare, dovremo farlo come se quella quinta carta già l’avessimo nel pocket e che sia anche alta. Giocare una middle card con 3/5 di colore sul tavolo aspettandone una quarta, è un rischio inutile, almeno quando si è o in tanti o si deve puntare parecchio. A quel punto, meglio lasciar perdere.

La scala

La scala è il punteggio che in assoluto è il meno prevedibile. Questa può verificarsi a partire dal flop, può essere bilaterale ad incastro, può nascondere due carte verso l’alto o verso il basso. Insomma, possedere un progetto di scala è forse meglio di possedere un progetto di colore (a meno che non si abbiano due carte suited nel pocket), poiché i nostri avversari potrebbero non prevedere le nostre mosse ed anzi temere altri punteggi, con un pizzico di speranza e sbadataggine. Mettiamo il caso in cui abbiamo 10 e Jack nel pocket e che al flop escano 8,7,4. E’ una situazione molto interessante, dato che in caso di un nove, avremmo addirittura due over card.  Un altro caso potrebbe essere di avere 10 e Jack nel pocket e Q,9 sul board. In questo caso dovremmo aspettarci un 8 o un K. Insomma da una scala all’altra, la puntata con un progetto forte come questi può variare di molto. In caso di possibile scala bilaterale, potremmo puntare più spensieratamente, a patto che questa condizione si riveli al flop.

Come Puntare

Puntare alto in flop e river in questo caso, magari in possesso di una coppia, sarebbe la cosa migliore. Andare in all in o contro rilanciare con 4/5 di scala o colore sarebbe un semi-bluff, e una coppia che potrebbe diventare una doppia coppia o un tris per salvarsi in caso di turn e/o river negativi potrebbe essere un’ottima assicurazione. In mancanza di una coppia oltre il progetto, bisogna considerare il numero di giocatori. Se superiore a 4, sarebbe meglio possedere l’overcard del punteggio. Se inferiore a 5, tenere conto delle giocate avversarie in fase di pre-flop e flop.