PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Evitare il tilt nel poker

Martedì 04 Gennaio, da Andrea Lazzo

blackjack cards

Il Tilt è una condizione psicologica a cui il giocatore di poker può arrivare per una sua debolezza o per una situazione di gioco non favorevole, che agisce sulla psiche dello stesso causando confusione, voglia di riscossione, ma senza la presenza di una condizione chiave: la lucidità. Varie volte avrete sentito l’espressione “andare in tilt”, bene, è proprio del tilt che vi parleremo in questo articolo e della stretegia giusta per evitarlo.

 

Il momento del Tilt

In primo luogo, si può parlare di tilt quando un giocatore non riesce a vincere. Questo può avvenire per due motivi estranei al giocatore, come ad esempio delle pessime carte nel proprio pocket e per un numero consecutivo di volte considerevole, oppure, al contrario, in un heads up, per una serie di carte positive dell’avversario. Le carte sono solo uno dei motivi possibili affinché un giocatore vada in tilt. Ad esempio, può capitare che si abbia una mano favorevole, magari con due Assi che, nonostante tutto l’impegno e le giocate, possono vedersi abbattere contro una scala magari ottenuta al river. Sono situazioni, queste, che capitano molto spesso ma che non tutti sanno affrontare con spirito di gioco. Certo, è più facile a dirsi che a farsi, ma di certo iniziare a rilanciare per rifarsi del “tolto” non è assolutamente la migliore soluzione, sebbene l’istinto possa portare a quell’opzione.

 

Le reazioni del giocatore in tilt

Un giocatore in tilt può reagire in diversi modi. Innanzitutto, potrebbe iniziare a rilanciare sui bui successivi per rifarsi subito dell’accaduto. Il problema è che molte volte, i giocatori soggetti al tilt, fanno questo anche senza necessariamente avere una coppia o delle high card, ma puntando soltanto sulla propria voglia di rifarsi e sulla fortuna che dovrebbe farsi rivedere. Altre volte, gli stessi giocatori vanno in all in senza disporre di carte decenti. Si tratta di un istinto suicida vendicativo, che molte volte, più che dalle carte, dipende anche dal giocatore in questione, dal tipo di personalità, ma anche dal suo excursus in un particolare torneo o partita.

 

Come far fronte al Tilt

Ricapitolando, il tilt è una particolare condizione psicologica di un giocatore di poker, al quale capitano eventi sfavorevoli che lo portano alla confusione e alla perdita della freddezza e lucidità di gioco. Per evitare di disfarsi di tutto il proprio stack soltanto perché si ha fretta di rifarsi di quello perduto, un giocatore, se si trova su un tavolo cash, dovrebbe alzarsi dal tavolo e allontanarsi. Farsi una passeggiata o magari spegnere il PC (se giocate online) sarebbe la soluzione migliore. Se ci si concede una pausa passando tutto il tempo pensando a quanto vincere a quella successiva al fine di recuperare, ci si sbaglia. Quello che serve è un totale reset, un po’ come si fa quando si va a dormire. Ci si risveglia più rilassati e lucidi. Tutti i migliori giocatori di poker al mondo, tutti i professionisti di poker possono confermare come questa sia la migliore delle soluzioni alla condizione di tilt. Se invece che ad un tavolo di poker cash ci si trova in un torneo, la situazione non cambia, così come nei sit’n’go. Se si perde ad un sit’n’go per un evento sfavorevole, è inutile iniziarne un altro con rabbia, perché la situazione potrebbe peggiorare ulteriormente.