PokerStars

100% Fino a 400€

PokerStars Recensione

Titan Poker

200% Fino a 1000€

Titan Poker Recensione

snai poker

100% Fino a 600€

PokerSnai Recensione

sisal

100% Fino a 400€

Sisal Poker Recensione

logo gioco digitale

100% Fino a 600€

Gioco Digitale Recensione

Giocare una coppia alta nel post flop

Mercoledì 09 Marzo, da Andrea Lazzo

blackjack game

Una coppia alta nel post flop potrebbe includere due situazioni differenti. La prima prevede che la coppia sia nel nostro pocket e che quindi sia totalmente coperta, mentre la seconda prevede che si abbia una coppia creata con le carte del board. Una coppia creata con il board, può essere una coppia di tipo shared, ovvero condivisa, e potrebbe portare ad una serie di valutazioni da fare in base agli avversari ancora in gioco e alle loro mosse. In questo articolo ci dedicheremo allo studio di una situazione in cui si possiede una coppia alta già nel pocket e che ci si trovi nel post flop, con i nostri consigli e strategie di poker migliorerai la tua tecnica!
 

Il rilancio in preflop

Una delle condizioni in cui potremmo trovarci è quella di un flop dopo un rilancio in fase di preflop. Infatti, se possediamo una high pair in preflop, siamo portati al rilancio, soprattutto con coppie come KK e AA.  Nel flop, anche nella situazione in cui questo non presenti innesti al nostro punteggio, dovremo cercare di mantenere una certa coerenza e continuare a guidare il gioco. In pratica, dovremo fare quella che si chiama continuation bet, ovvero una puntata che continui quella precedente. In questo caso, anzi, se il flop non presenta carte superiori alla nostra, dovremo effettuare una puntata almeno doppia di quella precedente. Dovremo fare abbandonare ogni speranza a coloro che hanno middle card senza alcun collegamento col board e minimizzare al massimo le speranze di coloro che seguono un progetto di colore o scala.
A parte fortunose presenze di altre coppie nei pocket avversari (che però cercheremo di tenere presente grazie ai call o eventuali contro-rilanci), sono proprio i progetti di scala e colore quelli che dovremo temere di più nel caso avessimo una coppia alta con overcard.
 

L’overcard

Certo, l’ideale sarebbe possedere una coppia d’Assi, ma come comportarci se avessimo una coppia di K nel pocket ed uscisse un Asso sul board? Beh, la questione si complica.
In questo caso, l’unico campo di gioco rimane la visione di turn e river. Nel caso ci trovassimo già in fase di river e rimanesse un solo avversario in gioco, con un asso a terra e con tutti i call chiamati ai nostri rilanci, allora molto probabilmente il nostro avversario avrà l’asso o un punteggio superiore. Infatti, mentre noi potremo far forza sulla nostra coppia e sull’uscita di un’altra coppia (però visibile) sul board, il nostro avversario potrebbe avere una coppia inferiore o addirittura due carte che grazie al board formino una doppia coppia. Una doppia coppia senza coppie sul board è un punteggio che quando si crea la condizione per la sua vittoria, può fare molto male.

Quindi, se con la nostra coppia di K abbiamo rilanciato e nel flop esce un Asso senza alcun K, quello che dovremo fare è continuare a puntare (ci lasceranno guidare il gioco) ma fare molta attenzione a chi ci segue. In una partita con 5-10 giocatori, è quasi sicuro che tra coloro che abbiano visto il rilancio in preflop, ci sia almeno il possessore di un Asso. Il consiglio qui è di puntare per continuare a “filtrare” il gruppo e rimanere soltanto con chi, quasi certamente, avrà un Asso.